Un nuovo viaggio, cosa deve accadere nella nostra mente prima di partire

Un nuovo viaggio, cosa deve accadere nella nostra mente prima di partire

Perché tutto possa accadere dobbiamo essere in grado di far nascere un nuovo viaggio

Siamo noi ad essere autori di ogni nostra storia

Michael Bolognini – preparazione viaggio

 


Siamo uno spazio vuoto da colmare ed in ogni istante della nostra vita sentiamo di dover dare un senso ad un tempo in parte eterno. Ed è così che ogni viaggio sarà un racconto scritto fuori ma sopratutto dentro di noi, permettendoci di osservare il mondo che ci circonda con uno sguardo sempre più sensibile e attento.



Breve premessa

A volte rinunciamo al desiderio di viaggiare per colpa delle nostre paure inconsce più che per il timore dei costi di un viaggio, ma credetemi a volte basta non arrendersi, un pò di organizzazione e fiducia i se stessi per riportare così alla luce i nostri talenti utili a colmare quello spazio vuoto che un problema può causare, trasformando così una difficoltà in opportunità.

Un viaggio nasce dall’immaginazione, dal desiderio di scoprire nuove realtà e dalla voglia di vivere grandi avventure. Parte tutto da casa, dall’intimità di un luogo conosciuto dove è possibile dare forma ai desideri, un luogo dove possiamo essere liberi senza alcun timore. 

Nella comodità delle nostre case oggi è possibile trovare ogni informazione necessaria, grazie ad internet ed alle guide in commercio. Una volta non era così, ricordo le parole del mio capo spedizione prima di partire per il Perù, mi confidava la difficoltà di organizzare un viaggio alpinistico in queste terre quando internet non esisteva, i mezzi per comunicare erano delle semplici lettere scritte a mano, tempi di attesa lunghissimi e poche certezze, il vero fascino dell’esplorazione sta proprio in questi dettagli, ed è per questo che amo immergermi nella natura senza troppe informazioni, tuttavia per fare ciò bisogna essere preparati e consapevoli del fatto che nella natura vera noi non siamo una certezza. 

La nascita di un viaggio può essere suddivisa in 3 fasi:

  • Comprendi e ascolta i tuoi desideri, cercando informazioni utili per dare un senso alle tue sensazioni verificando se queste potranno essere realizzate.
  • Dai il via alla fase organizzativa cercando tutte le informazioni necessarie per pianificare il tuo viaggio. 
  • Procedi con le prime spese, dall’attrezzatura necessaria, all’abbigliamento a tutti quegli strumenti utili per affrontare al meglio l’esperienza che hai scelto.

 

Michael Bolognini – preparazione viaggio

La prima fase è la più importante, serve a dare un senso ai tuoi desideri, se sarai in grado di ascoltarla ti permetterà di non vivere un viaggio ma uno dei tuoi desideri più profondi e per riuscire in questa impresa dovrai solo aver fiducia di te stesso, questo meccanismo ti permetterà di aprire gli occhi dandoti l’opportunità di vivere le tue più grandi avventure, grazie alle quali non avrai speso solo dei soldi per visitare dei luoghi ma avrai l’opportunità di rendere la tua vita unica grazie a quello che proverai in quei luoghi.

Deciso il vero spirito della tua prossima esperienza dovrai incominciare a programmarla, per farlo dovrai stare attento a valutare bene ogni dettaglio, in base alle informazioni che reperirai potrai approfittare di ogni opportunità senza perdere del tempo quando sarai in viaggio, con conseguenti meno preoccupazioni.

In base a quale sarà la tua destinazione dovrai valutare in primis la cultura del luogo per comprenderne il sistema che la governa, valutando attentamente la stabilità politica e religiosa e avvicinarti il più possibile alla cultura della popolazione che ti ospiterà. Fatta questa valutazione in base alle esperienze che vorrai fare dovrai trovare i tuoi luoghi sicuri, dove far tappa in condizioni anche difficili, così che tu possa trovare sempre un luogo protetto dove fermarti e riflettere sul tuo piano d’azione, tenendo presente che potrai essere stanco o disorientato, sia per il viaggio emozionante oppure per colpa di qualche intoppo. Una volta trovati i tuoi luoghi sicuri dove far tappa anche per rifornirti di acqua potrai decidere il tuo percorso, volendo potresti decidere prima il percorso e poi i luoghi sicuri ma facendo cosi darai più importanza all’idea della strada che percorrerai e meno alla ricerca di un luogo con le tutte le caratteristiche necessarie per accoglierti in qualsiasi situazione (comunicare, recuperare le energie, fermarti per riflettere). 

Una volta che avrai programmato il tuo viaggio, avrai deciso i luoghi che vorrai visitare, costi di ogni esperienza e una scorta di emergenza che porterai con te in contanti e con una carta di credito, verificati i permessi e i documenti necessari, valutato i mezzi per gli spostamenti, gli alloggi, le prevenzioni mediche e le assicurazioni di viaggio (sempre utili) dopo aver passato almeno una settimana di preparazione se non di più per organizzare e programmare ogni dettaglio, potrai dare il via alle spese. 

Le spese in ordine di dimensione saranno, i costi degli spostamenti con i mezzi (prenotati in anticipo ti assicurano buone scontistiche), poi arriveranno i costi di soggiorno, le eventuali tasse, le spese delle attrezzature (abbigliamento, strumenti di viaggio), assicurazione e spese mediche (farmaci, vaccini, ecc…). Grazie ad internet oggi puoi sfruttare diversi escamotage per poter risparmiare, esistono siti che ti permettono di confrontare e trovare i migliori prezzi per i voli aerei, altri in grado di scovare le migliori offerte delle strutture dove dormirai, altri ancora in grado di metterti in contatto con l’esperienza di altri viaggiatori, quest’ultimi possono risultare tra i più efficaci, perchè riassumono molte interessanti esperienze.

Il mio consiglio, sopratutto per chi è alle prime armi, è quello di non fare sempre da soli, di gestire parte del proprio budget per interpellare un professionista in grado di assicurarti un viaggio sereno.

Michael Bolognini – preparazione viaggio

In ogni mia guida amo ospitare amici e collaboratori, grandi professionisti con i quali ho il piacere di collaborare nell’organizzazione delle mie avventure personali e quelle pensate per il miei clienti. In questa guida avrete a disposizione i consigli di Roberta, Personal Travel d’eccezione, con anni d’esperienza nell’organizzazione di viaggi di tutti i generi in tutto il mondo, ci suggerirà perchè è importante affidarsi ad un tour operator per organizzare viaggi sicuri, con lei in questa guida troverete Pietro, ragazzo nato per viaggiare ha avuto un’idea geniale dando forma ad un APP capace di unire chi ama viaggiare e le grandi avventure.

Cantoni Travel Roberta Cantoni Personal Travel Designer – Per vivere un’avventura autentica alla scoperta del proprio potenziale, che sia in un luogo vicino a casa o dall’altra parte del mondo, è fondamentale avere alla base una buona un’organizzazione logistica, disegnata in base alle specifiche esigenze. Tale organizzazione deve essere affidata ad un tour operator affidabile e competente, in linea con le attese dei viaggiatori , in possesso di regolare Autorizzazione e che preveda coperture assicurative. Un partner di fiducia, punto di riferimento per qualsiasi problem solving. 
Il tour operator saprà programmare ogni cosa con maggiore funzionalità, lasciando alla guida ed ai partecipanti solo il pensiero di dedicarsi all’esperienza, da aggiungere al proprio bagaglio personale

Pietro Lamaro Founder Adventure Addicted –  Il viaggio è andare, andare, prendere il necessario, chiudere in valigia il coraggio necessario per affrontare l’ignota anima di un paese sconosciuto e partire. Partire per toccare con mano nuove culture, imparare da civiltà ignote e venir affascinati da paesaggi sconfinati diversi da quelli di casa. Viaggiare è lasciare casa, è la soddisfazione di raggiungere luoghi lontani e contemporaneamente prendere consapevolezza di essere da un’altra parte del mondo. Visitare, vivere e immedesimarsi nel ritmo di un paese diverso, lontano dal nostro. La gioia di sentirsi liberi. Liberi di imparare.

Adventure Addicted è un progetto rivolto a tutti coloro che hanno il desiderio di imparare, partire e dunque viaggiare. Viaggiare per lo sport, viaggiare per vivere in maniera sana, attraverso attività Outdoor, gli sconosciuti ambienti naturali di un’altro paese. Lo sport ci aiuta a vivere insieme ad altre persone momenti indimenticabili, condividere emozioni con sportivi con la stessa fame di avventura. Condividere è infatti alla base dei nostri viaggi, progetti e iniziative.


Siate liberi di vivere il vostro tempo, le uniche vere barriere sono solo quelle imposte dalle nostre menti


Rispondi

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
Il tuo carrello
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: